Programma per le competenze e la cultura digitale

estratto da: La e-leadership
[...] Nella sua più completa espressione l’e-leader è una figura di vertice, un manager in una grande organizzazione, un dirigente in una pubblica amministrazione, l’imprenditore o una figura a lui vicina in una piccola o media impresa.
Federico Minelle
nella PA, la sfida è motivare i dirigenti (se di vecchia scuola) a far crescere le loro competenze su questi ambiti. O almeno di non ostacolare le iniziative dei loro collaboratori in questa direzione: può servire se venisse inserito un indicatore di innovazione nella valutazione delle performances (organizzative ed individuali)?
Federico Minelle, 15/04/2014 11:07
ciro spataro
vignetta su scenari della PA: il dirigente usa il fax, stampa le email, appone bolli su carta, corregge bozze con la penna, non ha mai toccato un tablet/smartphone,... il dipendente usa il cloud (di terze parti) x condividere documenti di lavoro con colleghi, crea webservice georeferenziati del lavoro che svolge e anche app facendosi aiutare da sviluppatori amici, non usa carta da anni, stimola colleghi ed uffici a produrre open data, chiede applicativi di lavoro user friendly e interazione dei database degli uffici. Domanda: chi fa l'e-leader: il dipendente o il dirigente? ;-)
ciro spataro, 18/04/2014 08:36
ciro spataro
a parte la vignetta ironica, attenzione a dire che l'e-leader debba x forza essere un dirigente. Facciamo innovazione anche in questo paradigma. L'e-leader dovrebbe essere colui/colei che tra tutti i soggetti di una PA (dipendenti e dirigenti) possiede la maggiore conoscenza/competenza x fare il regista nelle politiche di attuazione di un agenda digitale nell'ente in cui opera. Partendo da questo punto, ci può realmente essere innovazione nella PA. Nominare un dirigente interno anche se non lo si trova "acculturato" digitalmente? Meglio esternalizzare la figura x i primi anni.
ciro spataro, 18/04/2014 08:53
Antonio Memoli
staccare la figura dell'e-leader dalla mansione o ruolo. Occorre ragionare per processi
Antonio Memoli, 24/04/2014 17:33
Alessio M. Braccini
Molte innovazioni che le tecnologie ICT possono contribuire ad apportare sono a livello locale (fase di un processo, processo, unità organizzativa) e nascono anche da impulsi di innovazione locali. L'e-leader non deve necessariamente essere un dirigente.
Alessio M. Braccini, 04/05/2014 10:54