Programma per le competenze e la cultura digitale

[...] Una buona azione di digital literacy per i cittadini può che risultare vana se la pubblica amministrazione non è in grado di fornire servizi all’altezza delle aspettative. L’offerta dei servizi online della PA è ancora parziale e disomogenea e questa azione deve portare a una maggiore efficienza ed efficacia nell’erogazione dei servizi digitali. Insieme alla domanda di PA digitale deve crescere l’utilità e l’usabilità dei servizi.
ciro spataro
effettuare sondaggi alla cittadinanza mirati a conoscere quali tipologie di servizi online risultano prioritari (serve anche per la governance della smart city). L'AGID dovrebbe erogare linee guida nazionali sulle modalità di erogazione dello stesso servizio pubblico online in tutti i comuni italiani assicurando standard di fruibilità (anagrafe, edilizia, urbanistica, tributi,..). Erogare online tutti quei servizi pubblici per i quali ancora oggi è prevista la stampa di carta e lo spostamento fisico per raggiungere un front office locale. Le strategie ICT dell'e-commerce forniscono spunti
ciro spataro, 11/04/2014 23:13
Emilio  Simonetti
Per far crescere l'utilità e l'usabilità dei servizi on line, bisogna investire, tra l'altro, nella formazione dei "redattori web", ai quali si rivolge la guida messa a punto dal GLU (Gruppo di Lavoro per l'Usabilità) del DFP, che permette, anche a non specialisti di realizzare test semplificati di usabilità. Questa è una strada da percorrere e intensificare, ma già praticabile da tutte i siti PA scaricando il protocollo eGLU 1.0 all'indirizzo: http://www.funzionepubblica.go...
Emilio Simonetti, 02/05/2014 08:39
fabio puglisi
La strada che conduce al miglioramento dei servizi della PA passa necessariamente attraverso la razionalizzazione/unificazione dei CED. Si pensi ad esempio, ai ced degli 8000 comuni italiani, la maggior parte dei quali incapace di sostenere lo sviluppo impresso dalle recenti normative.
fabio puglisi, 02/05/2014 12:36
Giorgio Silgiolo Primiceri
Vanno digitalizzati i principali servizi comunali, per una pratica fruizione da parte di ogni cittadino, correttamente "motivato" alla scelta digitale.
Giorgio Silgiolo Primiceri, 05/05/2014 00:07