Strategia per la crescita digitale 2014-2020

Programmi di accelerazione: Le competenze digitali

Puoi partecipare alla Consultazione commentando il testo. Clicca sull'icona a destra del paragrafo e inserisci il testo del tuo commento. E' necessario autenticarsi attraverso il sistema FormezAuth o propri account social (Facebook, Twitter).

Cosa e perché?permalink frase

2

Sono troppi, ancora, i cittadini italiani che non hanno mai usato Internet. Circa il 40% degli italiani non possiede un computer e non sa mandare una e-mail e né pagare un bollettino on line. Le sacche di analfabetismo digitale sono concentrate in alcune regioni del Sud, prime su tutte: Basilicata e Campania.permalink frase

11

La mancanza di competenze, come si evince dal capitolo sul contesto di riferimento (vedi sopra), riguarda anche le piccole e medie imprese, con effetti molto significativi sulla capacità di crescita economica. Nei prossimi anni la domanda di competenze digitali continuerà ad aumentare e questo rappresenta la vera sfida per la modernizzazione del paese e la sua capacità di competere.permalink frase

3

Il divario tra la domanda e l’offerta di e-skills potrà essere superato solo attraverso una formazione orientata alle competenze digitali sia nel settore pubblico che nel settore privato. Poiché gli effetti delle politiche educative non sono immediati, sarà necessario ricorrere anche a risorse private per rispondere in tempi brevi alla domanda di competenze digitali. L’impatto atteso è quello di un cambiamento profondo in molte aree, sia quelle coinvolte dal rapido sviluppo delle competenze digitali, sia quelle che riguardano la cultura digitale. A titolo di esempio:permalink frase

6

● i cittadini acquisiranno maggiore “consapevolezza digitale” e conseguentemente una maggiore capacità di utilizzare i servizi digitali e di partecipare alla loro ideazione/progettazione;permalink frase

4

● i lavoratori vedranno accresciute le capacità di usare competenze digitali nel contesto lavorativo, nei processi di business e nella progettazione di prodotti e servizi;permalink frase

1

● gli imprenditori, i manager a tutti i livelli nelle organizzazioni, aumenteranno la loro capacità di individuare e sfruttare le opportunità offerte dalle ICT;permalink frase

+

● gli specialisti ICT, acquisendo maggiori competenze incrementeranno le loro capacità di fare innovazione di prodotti e servizi;permalink frase

3

● le imprese aumenteranno le loro potenzialità di innovare e “pensare digitale”;permalink frase

1

● le organizzazioni pubbliche potranno contare sul coinvolgimento di cittadini con competenze digitali per offrire servizi sempre più avanzati.permalink frase

1

Chi fa cosa?permalink frase

1

L’Agenzia per l’Italia Digitale promuove e coordina le attività, anche tramite la Grand Coalition for eskills.permalink frase

4

Tutti i soggetti coinvolti nella Grand Coalition implementano interventi di formazione generale e specifica, con particolare riferimento alla (ri)qualificazione professionale.permalink frase

2

Gli stakeholders pubblici coinvoltipermalink frase

+

I partner pubblici del progetto sono molteplici: amministrazioni centrali (AgID, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli affari regionali, le autonomie e lo sport, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministero della Difesa), locali (come ANCI, Regioni/Cisis), enti pubblici (es. ISTAT, ISFOL, Unioncamere, RAI), enti per l’istruzione, la formazione e la ricerca (es. Scuola Nazionale dell’Amministrazione, FormezPA, CNR, CINI-GIIGRIN). Il Digital Champion italiano inoltre contribuirà alla diffusione e dissemination di programmi specifici.permalink frase

1

Ruolo degli stakeholders privatipermalink frase

+

Sono già partner della Grand Coalition: ANITEC, Fondazione Mondo Digitale, Didasca, ABI, Assinform, Federazione Confindustria Digitale, CONFCOMMERCIO), IWA, Consiglio Nazionale degli ingegneri, Stati generali dell’Innovazione e AICA.permalink frase

5

Soluzione a sostegno dell’offerta o della domanda?permalink frase

1

Domandapermalink frase

4

Tempisticapermalink frase

+

2014-2020permalink frase

2

Monitoraggio dell’iniziativapermalink frase

+

AgID come referente italiano della “Grand coalition for digital jobs” europea.permalink frase

+

Calcolo dei benefici /indicatoripermalink frase

+

I benefici di queste misure andranno calcolati con le seguenti metriche:permalink frase

1

i. aumento del livello di digital literacy del Paesepermalink frase

1

ii. penetrazione nei programmi scolastici di argomenti legati alle competenze digitalipermalink frase

+

iii. numero di corsi di formazione basati su competenze digitalipermalink frase

+

iv. numero di laureati in settori riconducibili all’ICTpermalink frase

1

v. numero di occupati che seguono corsi riconducibili a competenze digitali all’interno del proprio posto di lavoropermalink frase

+

vi. livello delle competenze digitali fra i dipendenti pubblici e capacità di utilizzare in back-office i servizi digitali nella PApermalink frase

1