Open Government Partnership Italia

Dati aperti, promozione dell’innovazione sociale e e-gov: promozione dell’innovazione sociale

Un ulteriore obiettivo è quello di garantire la realizzazione delle infrastrutture intangibili abilitanti per la realizzazione di progetti finalizzati al miglioramento della vita dei cittadini nei contesti urbani (smart cities) e nelle comunità diffuse (smart communities):
1) stesura del Piano nazionale per le smart communities;
2) utilizzare metodi di consultazione dei cittadini per scelte di nuove policy e per l’adozione di nuove normative;
3) rafforzare la partecipazione e la collaborazione nelle azioni di innovazione nei territori;
4) aprire nuovi ambiti di sviluppo ed erogazione dei servizi pubblici.

Cosa è stato fattopermalink frase

+

L’impianto normativo supportato dal dl 179/2012 ha predisposto l’architettura a supporto degli interventi finanziati dal MIUR in Smart Cities & Communities (1.2B Euro), compresa l’architettura informativa e il sistema di monitoraggio. Il sistema di monitoraggio, in collaborazione con ISTAT e ANCI, e’ in fase di attuazione. Inoltre, e’ in corso di attuazione presso l’Agenzia per l’Italia Digitale uno studio preparatorio per la costruzione dell’architettura informativa.permalink frase

+

Il tema open data e’ avanzato anche dal recente intervento normativo sulle Smart Cities (“Comunità intelligenti” nello stesso dl 179/2012) L’art. 20 definisce l’architettura delle comunità intelligenti ai cui fini stabilisce i principi di apertura, interoperabilità e riuso dei sistemi che le caratterizzano. Il sistema delle comunità è quindi non sono solo un luogo di tecnologie avanzate ma anche d’inclusione e progresso sociale che favorisce la partecipazione di cittadini, imprese e società civile nella definizione delle politiche pubbliche.permalink frase

1

La Presidenza del Consiglio e diversi ministeri hanno intrapreso una innovativa strategia di ascolto attraverso il Web, basata sulla consultazione sistematica delle varie comunità che hanno in qualche modo una relazione con le Istituzioni e i singoli cittadini. L’obiettivo è includere gli stakeholder nel complesso processo di gestione della cosa pubblica attraverso tecniche di buon governo inclusive ed efficaci. Il presente Governo ha continuato il processo di apertura e dialogo, sia attraverso l’apertura di una grande iniziativa di coinvolgimento della cittadinanza nel processo delle Riforme Costituzionali, sia con l’impegno di istituire uno spazio - partecipa.gov.it - che diventi punto di riferimento per i cittadini e le istituzioni riguardo tutti i processi partecipativi avviati e gestiti centralmente. In particolare nel 2012 sono state condotte le seguenti consultazioni:permalink frase

1

la consultazione sul valore legale del titolo di studio (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca);permalink frase

+

la consultazione ADI (agenda digitale italiana) Social (Ministero dell’Istruzione; dell’Università e della Ricerca);permalink frase

+

la consultazione per Horizon 2020 Italy (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca);permalink frase

+

la consultazione sui principi fondamentali di Internet (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca);permalink frase

+

la consultazione sull’Agenda Digitale Italiana (Ministero dello Sviluppo economico);permalink frase

+

la consultazione sulla spending review (Presidenza del Consiglio dei Ministri);permalink frase

+

la consultazione sull’azione amministrativa (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali);permalink frase

+

la consultazione sulle linee guida per l’accessibilità e la mobilità a bordo delle navi (Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture);permalink frase

+

la consultazione sulla nuova Strategia Energetica Nazionale (Ministero dello Sviluppo economico);permalink frase

+

la consultazione “SemplificaPA. Libera le Risorse” (Dipartimento della funzione pubblica);permalink frase

+

La consultazione del Governo sulla Spending Review, che ha ottenuto la maggior partecipazione tra tutte le consultazioni realizzate con oltre 550.000 contributi, ha parzialmente risposto ad uno dei commitments dell’Italia all’OGP, Administrative Cost Measurement and Reduction by Public Consultation.permalink frase

+

In alcuni casi, come nelle consultazioni MIUR sull’Agenda Digitale Italiana (AdiSocial), sul programma quadro per la ricerca italiana Horizon 2020 Italy (HIT 2020) e sui principi fondamentali di Internet per l’Internet Governance Forum (IGF), strumenti tipici di consultazione pubblica sono stati affiancati da piattaforme e metodologie innovative come l’Ideario (basate sul software Ideascale), in grado di garantire forme di partecipazione piu’ trasparenti e interattive (i contributi degli utenti sono pubblici e commentabili/votabili da altri cittadini). Tali strumenti tendono a premiare quei cittadini in grado con le proprie proposte di guadagnare consenso prima di tutto da altri cittadini e generare un dibattito civile. I risultati degli Ideari sono stati utilizzati per integrare la costruzione di documenti strategici per il MIUR ed influenzare l’operato di tavoli tecnici di lavoro.permalink frase

+

Il governo ha avviato una importante consultazione pubblica in materia di Riforme Costituzionali, attraverso uno sforzo coeso e corale da parte di diverse parti della PA per il coinvolgimento della popolazione italiana. Lo scopo è di sensibilizzare la cittadinanza (campagne capillari di comunicazione), supportarla nell’uso degli strumenti tecnologici (Lineamica-FormezPA) e affrontare le questioni del digital divide (Fondazione Mondo Digitale). Le tecnologie digitali e i social media sono stati utilizzati all’interno del MIUR per creare piattaforme di condivisione capaci di attivare nuove reti tra soggetti diversi e per vari motivi distanti dall’Amministrazione, come:permalink frase

+

ResearchItaly, il portale, in italiano e inglese, nato per fotografare e promuovere la ricerca italiana d’eccellenza, ha il duplice obiettivo di diffondere informazioni e dati sulla ricerca e permettere attività di collaborazione e networking tra pubblici diversi - cittadini, sistema produttivo, giovani, ricercatori - identificati dalle quattro sezioni del sito: CONOSCERE, INNOVARE, ESPLORARE, FARE. A tal fine è presente sui più importanti social media -Twitter, Facebook, Youtube, Flickr, Storify - con lo scopo di far conoscere le iniziative e i risultati ad un pubblico sempre più ampio. Gli obiettivi di trasparenza e di coinvolgimento verranno raggiunti mediante uno sviluppo incrementale volto a mettere online contenuti e funzionalità sempre più evoluti. A breve, ad esempio, il portale ospiterà l’Anagrafe della ricerca italiana e Reprise, la banca dati dei valutatori dei progetti di ricerca.permalink frase

+

PON R&C Social, nell’ambito delle iniziative di comunicazione del Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013, con lo scopo di diffondere la conoscenza dei progetti finanziati dai Fondi strutturali, sono stati attivati il canale social Twitter @PONREC (ad oggi 1256 follower ) e Il canale Youtube (con 73 video e 9 playlist);permalink frase

+

Ritardi.0, nell’ambito delle iniziative del Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 , il progetto, che analizza alcune cause di rallentamento e individua possibili soluzioni nell’attuazione dei progetti finanziati dal MIUR, è attualmente oggetto di consultazione pubblica sul sito www.ponrec.it nella convinzione che l’innovazione sia un processo partecipato;permalink frase

+

UniversItaly, piattaforma creata per accompagnare gli studenti nel loro percorso di studi verso l’Università e gestito attraverso il meccanismo della “redazione diffusa” tramite le università;permalink frase

+

Scuola in Chiaro, una risorsa per condividere e confrontare le informazioni su tutte le scuole italiane in modo immediato, aperto e trasparente. Questo sarà la base per costruire e aggregare nuovi servizi intorno alla scuola. A Scuola in Chiaro e’ associato il rilascio di dati sulla scuola in formato open e quindi riutilizzabile.permalink frase

+

Innovitalia - la rete dei ricercatori italiani nel mondo, che raccoglie e collega l’intelligenza italiana nel mondo con l’obiettivo di valorizzare i legami che la nostra comunità di ricercatori ha saputo creare.permalink frase

+