Codice Appalti: modellazione nelle opere pubbliche

Art. 3 - Adempimenti preliminari delle stazioni Appaltanti

Puoi partecipare alla Consultazione commentato il testo riportato in questa pagina. Per inviare il tuo contributo clicca sull'icona a destra del paragrafo che intendi commentare e inserisci il testo del tuo commento. Per inserire nuovi commenti o commentare i commenti già inseriti è necessario autenticarsi attraverso il sistema con i propri account social Facebook e Twitter.

1. L’utilizzo dei metodi di cui all’articolo 23, comma 13, del codice dei contratti pubblici è subordinato all’adozione, anche a titolo non oneroso, da parte delle stazioni appaltanti, di:permalink frase

12

a) un piano di formazione del proprio personale in relazione al ruolo ricoperto, con particolare riferimento ai metodi e strumenti elettronici specifici, quali quelli di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture;permalink frase

15

b) un piano di acquisizione o di manutenzione degli strumenti hardware e software di gestione digitale dei processi decisionali e informativi, adeguati alla natura dell’opera, alla fase di processo ed al tipo di procedura in cui sono adottati;permalink frase

4

c) un atto organizzativo che espliciti il processo di controllo e gestione, il gestore del dato e la gestione dei conflitti.permalink frase

6

2. Le stazioni appaltanti si adeguano, comunque, a quanto previsto dal comma 1 entro e non oltre le date fissate dall’articolo 6, comma 1, in relazione all’introduzione obbligatoria dei metodi e degli strumenti di cui all’articolo 23, comma 1, lettera h), del codice dei contratti pubblici.permalink frase

+