.

[...] Con riferimento alle azioni di internazionalizzazione perseguite con questo Asse Prioritario, esse saranno rivolte a sostenere le imprese esistenti già in possesso dei requisiti per affrontare la sfida internazionale, come anche le imprese che - pur essendo caratterizzate da tale vocazione - a causa di debolezze spesso di tipo endogeno, non hanno ancora concretizzato questo risultato.
Bernardo Brusca
Occorre stimolare le aziende ad associarsi e consorziarsi per affrontare la sfida internazionale. Molto si potrebbe fare nell'agroalimentare. Inoltre la Regione dovrebbe combattere le debolezze endogene: credito, energia, trasporti, logistica ecc.
Bernardo Brusca, 12/07/2014 21:49