.

[...] Le piccole dimensioni delle imprese siciliane sono uno dei fattori che incide sulla capacità di crescita sui mercati regionali, nazionali e internazionali e di prendere parte ai processi di innovazione. La dimensione relativamente piccola delle imprese siciliane impedisce infatti – come segnalato anche dai servizi della Commissione Europea – di sostenere gli elevati costi d’entrata indispensabili alla creazione di nuove reti di distribuzione e alla realizzazione di investimenti in beni immateriali. Poiché nel contesto regionale, in base ai dati dell’ultimo censimento sull’industria e sui servizi circa il 96,7% delle imprese ha una dimensione micro e circa il 3,1% ha una dimensione piccola, si rende opportuno agire su tale punto di debolezza cercando di favorire la cooperazione tra le diverse imprese, con particolare riferimento a quelle operanti nei settori turistici e culturali.
Fabrizio Russo
Bisogna ricordare che, oltre alle PMI, anche i Professionisti sono ormai equiparati ad imprese. L'abolizione dei minimi tariffari per architetti, ingegneri ed altre figure tecniche ha trasformato in "imprenditori di se stessi" un enorme numero di tecnici ai quali non viene più riconosciuto il "valore intellettuale" della professione assimilandola ad un "servizio reso in regime di mercato". Anche in Horizon2020 infatti, la Commissione Europea ha aperto ai professionisti (per la prima volta), la possibilità di essere direttamente beneficiari degli interventi.
Fabrizio Russo, 29/06/2014 20:27
Luigi Dispinzeri
la dimensione delle imprese siciliane, sostanzialmente tarata solo ed esclusivamente sul mercato locale, mette in luce l'impossibilità delle PMI stesse di approcciare i mercati internazionali. Ho constatato sul campo l'impreparazione dell'imprenditore medio siciliano, ancorchè dotato di automobili costose tipo M6, non riesce a scorgere le possibilità offerte dal mercato internazionale e nella migliore delle ipotesi, è spaventato dall'idea di inserirvisi. L'idea da me pubblicata pone in opera strutture aziendali che condividano fisicamente e operativamente funzioni di internazionalizzazione
Luigi Dispinzeri, 30/06/2014 18:32
Bernardo Brusca
Occorre stimolare l'aggregazione e cooperazione tra aziende per farle crescere dimensionalmente in modo da essere piu competitive sui mercati internazionali. Anche ricorrendo in outsourcing ai servizi di consulenti esperti.
Bernardo Brusca, 14/07/2014 22:50