.

[...] Nasce da questa esigenza la necessità di sviluppo di reti d’informazioni dette “smart grid” che potranno gestire in maniera efficiente le reti elettriche vere e proprie, evitando sprechi (tutta l’energia prodotta in quel dato momento verrà utilizzata), impiegando il più possibile l’energia prodotta da fonti rinnovabili, ridistribuendo in tempo reale eventuali surplus di alcune zone in altre aree, attingendo in ogni momento dalla fonte più economica e correggendo in pochi secondi ogni problema. Una rete controllata e utilizzata nella maniera ottimale, senza essere più sottoposta allo stress dei picchi di consumo, ma con un flusso costante, porta ad una migliore gestione e ad una maggiore sicurezza dal rischio black out. L’obiettivo principale che si intende raggiungere attraverso la realizzazione di “reti intelligenti” è quello di incrementare la quota di fabbisogno energetico coperto da generazione distribuita sviluppando e realizzando sistemi di distribuzione intelligenti e, nello stesso tempo, creare le basi per la realizzazione di città "Smart" rivolte all’eco sostenibilità dello sviluppo urbano, alla diminuzione di sprechi energetici ed alla riduzione drastica dell’inquinamento grazie anche ad un miglioramento della pianificazione urbanistica e dei trasporti. La Smart Grid rappresenta la grande sfida del futuro del settore energetico in ambito urbano ed, in tal senso, intercetta i tre ambiti d’intervento: ICT, Energia e Innovazione.