.

[...] 11.6.12 – Accompagnamento del processo di riforma degli Enti locali anche attraverso azioni per la riqualificazione del personale amministrativo degli enti coinvolti che consenta di coordinare gli obiettivi di riordino istituzionale [anche con l’obiettivo del migliore utilizzo dei fondi europei]
Paolo Gallo
Nell'ambito dei procedimenti che necessitano di pareri resi in Conferenza dei Servizi, ciascuna amministrazione adotta una linea basata sulla propria consuetudine ed estremamente difforme, per tempi e modalità, dai dettami normativi. Pertanto, è necessario promuovere una azione di riqualificazione che conduca i Responsabili Unici del Procedimento al puntuale rispetto delle normative vigenti. Per un migliore utilizzo dei fondi europei, è assolutamente necessario che il percorso di detti procedimenti sia monitorato da una cabina di regia che ne faccia rispettare tempi e regole - Paolo Gall
Paolo Gallo, 25/06/2014 11:52
cirospat
l'obiettivo primario è quello di ottimizzare i processi gestionali interni alla PA, erogare migliore servizi all'utenza, attraverso una reingegnerizzazione dell'organizzazione della stessa PA. La filiera interna della PA deve essere strutturata in maniera tale da digitalizzare ogni minimo procedimento attraverso piattaforme abilitanti eliminando duplicazioni di funzioni e consentendo l'agevole funzionamento di ogni singola UO. E' cambio culturale prima che amministrativo, e i fondi UE c'entrano poco, c'entra la voglia di mutare assetto internamente, voglia prima di tutto politica!
cirospat, 28/06/2014 23:24
cirospat
se leggo: riqualificazione del personale regionale (tecnico e non solo amministrativo), penso immediatamente all'eliminazione di procedure a sportello nell'erogazione del POFESR. Innegabile che molti burocrati e politici ci tengono a mantenere una parte a sportello (tradizione), ma la presentazione delle proposte solo online (vedi Horizon 2020) è l'innovazione di processo!!! Procedure uniche per tutti gli OT dall'inizio alla fine, senza decine di regolamenti diversi dei Dipartimenti reg.li. Una sfida per la Regione. Sfida culturale, politica, ma che aiuta nella gestione!
cirospat, 28/06/2014 23:24
cirospat
l'obiettivo primario è quello di ottimizzare i processi gestionali interni alla PA, erogare migliore servizi all'utenza, attraverso una reingegnerizzazione dell'organizzazione della stessa PA. La filiera interna della PA deve essere strutturata in maniera tale da digitalizzare ogni minimo procedimento attraverso piattaforme abilitanti eliminando duplicazioni di funzioni e consentendo l'agevole funzionamento di ogni singola UO. E' cambio culturale prima che amministrativo, e i fondi UE c'entrano poco, c'entra la voglia di mutare assetto internamente, voglia prima di tutto politica!
cirospat, 28/06/2014 23:33
cirospat
se leggo: riqualificazione del personale regionale (tecnico e non solo amministrativo), penso immediatamente all'eliminazione di procedure a sportello nell'erogazione del POFESR. Innegabile che molti burocrati e politici ci tengono a mantenere una parte a sportello (tradizione), ma la presentazione delle proposte solo online (vedi Horizon 2020) è l'innovazione di processo!!! Procedure uniche per tutti gli OT dall'inizio alla fine, senza decine di regolamenti diversi dei Dipartimenti reg.li. Una sfida per la Regione. Sfida culturale, politica, ma che aiuta nella gestione!
cirospat, 28/06/2014 23:33
Cristina De Franco
Qualificare il personale impegnato e metterlo in rete su livello regionale per migliorare le informazioni e i servizi
Cristina De Franco, 02/07/2014 10:31
Paolina Emanuele
Appare sempre più evidente l'inadeguatezza delle Pubbliche Amministrazioni, ed in particolare degli Enti Locali, di elaborare progetti innovativi e di qualità tali da rendere competitivi i territori di riferimento. E' fondamentale a tale proposito puntare sull'accrescimento delle competenze dei pubblici dipendenti ma anche sulla sensibilizzare della classe politica, condizioni senza le quali è impossibile ipotizzare e realizzare interventi di sviluppo del territorio che creino vera crescita e ricchezza e che siano all'altezza delle sfide sempre più ambiziose che il contesto internazionale
Paolina Emanuele, 07/07/2014 11:07
giuseppina liuzzo
Spesso le A.P. sono in grado di esprimere una vision innovativa e strategica. Ma chi sa pensare e progettare non è coinvolto. Al contrario chi dovrebbe occuparsi di redigere i progetti definitivi o esecutivi non se ne cura a scapito dell'utilizzo delle risorse. Va fatta una seria analisi interna all'assetto organizzativo delle amministrazioni e avere la forza e l'intelligenza di ricominciare con le risorse professionali capaci di esprimere un reale potenziale
giuseppina liuzzo, 14/07/2014 13:44