4° Piano d’azione nazionale per l'open government

Le Azioni: 1. Dati Aperti

Puoi partecipare alla Consultazione commentando il testo riportato in questa pagina. Per inviare il tuo contributo clicca sull'icona a destra del paragrafo che intendi commentare e inserisci il testo del tuo commento.

Contesto e obiettivi dell’azione

Come rilevabile attraverso indagini e indicatori internazionali (quali, ad esempio, l’Open data maturity report ed il DESI - Digital Economy & Social Index 2018) negli ultimi due anni l’Italia ha migliorato significativamente la propria posizione sul tema dei dati aperti. Tuttavia, sebbene siano stati realizzati numerosi sforzi orientati alla promozione della pubblicazione di Open data da parte delle amministrazioni, ad oggi continuano a riscontrarsi una serie di difficoltà che rallentano le possibilità di riuso di tale patrimonio informativo. permalink frase

2

Come evidenziato dal Report europeo sul riuso dei dati (2017), una delle principali barriere al pieno sfruttamento del potenziale degli Open Data è rappresentato dal mancato incontro tra domanda e offerta. Quest’ultimo si esprime nella mancata conoscenza del fenomeno Open data e delle potenzialità sottese al riuso dei dati, nella messa a disposizione di dataset tipicamente non guidati dai potenziali utilizzatori e, a volte, nella loro bassa qualità, al punto da renderne troppo oneroso il riutilizzo da parte della collettività, incluse le imprese. A ciò si aggiunge la conformità ancora “a macchia di leopardo” – principalmente per i dati non geografici – agli standard di metadatazione europei, così come la mancanza di conformità a modelli standard di rappresentazione dei dati atti a rendere gli stessi effettivamente integrabili e comparabili. permalink frase

12

In questo scenario, oltre alla necessità di continuare a promuovere una cultura finalizzata al riuso dei dati, assume un ruolo determinante l’attivazione di azioni sinergiche basate sul coinvolgimento non solo dell’ambito dell’offerta ma anche della domanda di open data. Tali azioni dovrebbero intervenire sulle significative barriere individuate attraverso la definizione di regole condivise e, al contempo, stimolare la pubblicazione di open dataset di alto valore (definito sulla base delle caratteristiche qualitative misurate) sia per il contributo che sarebbero potenzialmente in grado di assicurare in termini di trasparenza che per le potenzialità di riuso in ottica di business.permalink frase

6

Impegni

L’obiettivo dell’iniziativa nel suo complesso ha molteplici finalità:permalink frase

+

definire misure che – partendo dall’attuale contesto di riferimento e coinvolgendo tutti gli interlocutori necessari (RTD inclusi) – possano portare a:permalink frase

4

adottare una licenza nazionale o, laddove utile e applicabile, licenze diversificate per categorie omogenee di dati in grado di stimolare un corretto ed efficace riutilizzo dei dati, superando gli attuali problemi di incompatibilità derivanti dall’uso di diversi tipi di licenze;permalink frase

1

definire degli standard comuni dei dati pubblicati per tipologia, anche avvalendosi di lavori già avviati in tale contesto (quali ad esempio la rete di ontologie e vocabolari controllati, fermi restando specifici framework di riferimento europei e nazionali già definiti, come nel contesto dell’Informazione Geografica) definire indicatori di qualità per gli open data, riferendosi in particolare agli standard ISO esistenti;permalink frase

6

mettere a disposizione, a partire da impegni espliciti delle amministrazioni anche guidati dalla domanda, data set in formato aperto e strumenti a supporto della loro fruizione.permalink frase

5

a livello regionale, a sviluppare il macro obiettivo “dati” come leva fondamentale per incrementare la trasparenza e l’accountability e per favorire il riuso dei dati.permalink frase

1

Gli impegni principali riguardano:permalink frase

+

l’aumento della qualità e quantità di dati pubblicati come open data, attraverso la definizione di un paniere condiviso di 10 dataset utili;permalink frase

3

l’incremento della capacità di gestione dei dati, incrementare l’utilizzo dei dati del paniere definito attraverso la messa a disposizione di API;permalink frase

8

la promozione dell’utilizzo degli open data per processi di accountability e di valutazione dell’impatto sulle politiche pubbliche nonché decision making.permalink frase

4

Amministrazione responsabile

Dipartimento della funzione pubblica (PCM – DFP)

Altre amministrazioni coinvolte

Agenzia per l’Italia digitale (AGID), Dipartimento casa Italia (PCM – DCI), Dipartimento per le politiche di coesione (PCM – DPCoe - NUVAP), Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (PCM – DIPE), ISTAT, MIBAC, Team Digitale, Unioncamere, Regioni e Province Autonome, Comune di Milano

Impegni specifici

PA referente: PCM-DFP/ AGID

Definizione di un documento descrittivo del razionale alla base della scelta di una licenza nazionale o, laddove utile e applicabile, di licenze diversificate per categorie omogenee di dati, finalizzato a rappresentare un input per l’aggiornamento delle Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico (art. 71 d. lgs. 82/2005 CAD). In particolare verranno realizzate le seguenti attività:permalink frase

2

1.1 Costituzione di un tavolo di lavoro che coinvolge amministrazioni e stakeholder interessati e creazione di un canale di discussione su forum.italia. Ciò al fine di assicurare la massima partecipazione alla realizzazione del documento. Quando scade: giugno 2019permalink frase

2

1.2 Pubblicazione del documento sulle licenze. Quando scade: ottobre 2019 permalink frase

1

PA referente: AGID

1.3 1.3 Definizione, attraverso la creazione di un tavolo di lavoro che coinvolge amministrazioni locali e centrali, di un documento sui criteri di valutazione della qualità degli open data volti anche a qualificare Open Dataset di alto valore. Quando scade: dicembre 2019permalink frase

3

1.4 Definizione di un documento descrittivo di metodologie e strumenti per la rilevazione della qualità dei dataset, anche facendo riferimento agli standard ISO definiti in materia. Quando scade: marzo 2020 permalink frase

1

1.5 Sperimentazione su 2 amministrazioni partecipanti al tavolo del sistema di rilevazione della qualità dei dataset. Quando scade: dicembre 2020permalink frase

1

1.6 1.6 Acquisizione della disponibilità alla pubblicazione di Open Dataset da parte delle amministrazioni. Quando scade: luglio 2019 permalink frase

4

1.7 Pubblicazione degli Open Dataset. Quando scade: Tempi definiti negli impegni assunti da ciascuna amministrazione. permalink frase

2

PA referente: AGID/Team digitale

1.8 Acquisizione impegni per la pubblicazione di Open Dataset di alto valore. Quando scade: giugno 2019permalink frase

1

1.9 Pubblicazione degli Open Dataset di alto valore. Quando scade: Tempi definiti negli impegni assunti da ciascuna amministrazione. permalink frase

1

Definizione, sulla base di esperienze virtuose già avviate soprattutto a livello regionale, di standard comuni dei dati aperti, ove non già definiti a livello europeo e/o nazionale, per almeno 2 tipologie, attraverso la creazione di un gruppo di lavoro che riunisce amministrazioni esperte di dominio e i fornitori di applicazioni gestionali a supporto di quest’ultime. In particolare sono previste le seguenti attività:permalink frase

2

1.10 Pubblicazione, su developers.italia, di rilasci incrementali di versioni dei modelli dei dati (approccio agile) e della versione consolidata delle specifiche. Quando scade: da giugno 2019 ad aprile 2020 permalink frase

+

1.11 Pubblicazione della versione consolidata delle specifiche. Quando scade: aprile 2020 permalink frase

1

PA referente: ISTAT

Con riferimento al sito “Mappa dei rischi dei comuni italiani”:permalink frase

+

1.12 Aggiornamento annuale dei dati relativi a: densità abitativa, popolazione residente a fine anno, distribuzione popolazione residente per età (in quartili), famiglie residenti, indice di esposizione demografica, indice di dipendenza strutturale, litoraneità, quota di popolazione con età superiore a 80, superficie totale dei comuni (in kmq), variazione percentuale popolazione residente (dal 2011 per ogni anno), indice di vecchiaia. Quando scade: Aggiornamento entro il 31 maggio di ciascun anno del Piano.permalink frase

2

1.13 Messa a punto e rilascio di strumenti di analisi open (anche su base territoriale e georiferita). Quando scade: maggio 2020permalink frase

1

1.14 Miglioramento dell’interoperabilità della piattaforma (tramite il rilascio di ontologie, di Open Data e/o di Linked Open Data). Quando scade: maggio 2020permalink frase

1

PA referente: MIBAC

1.15 Pubblicazione dati del Servizio Bibliotecario Nazionale in Linked Open Data (LOD). Quando scade: maggio 2021permalink frase

1

1.16 Messa a punto strumenti di visualizzazione avanzata dei dati del SBN, comprensivi di viewer a grafi e mappe interattive. Quando scade: maggio 2021permalink frase

1

PA referente: PCM - DCI

1.17 Pubblicazione degli Open Dataset relativi all’Archivio Nazionale Fabbricati. Quando scade: Tempi definiti negli impegni (L’azione proposta è subordinata ad una norma che istituisca l’Archivio Nazionale Fabbricati e individui le relative dotazioni finanziarie)permalink frase

1

PA referente: PCM - DIPE

Qualità dei dati - Attivazione di un percorso condiviso per consolidamento degli standard comuni riguardanti le classificazioni dei progetti d’investimento pubblico (vocabolari comuni) adottate dal Sistema Codice Unico di Progetto e il portate OpenCUP. L’aggiornamento delle classificazioni è funzionale al miglioramento della qualità dei dati all’interno dei portali opendata sulle politiche di sviluppo (Es. OpenCoesione, OpenCantieri, Registro Nazionale degli Aiuti, OpenBDAP). Gli obiettivi principali riguardano:permalink frase

+

1.18 Rilascio documenti sull’evoluzione degli aggiornamenti. Quando scade: dicembre 2019permalink frase

+

1.19 Pubblicazione delle nuove tabelle di classificazione. Quando scade: giugno 2020permalink frase

+

Promozione del fenomeno opendata permalink frase

2

1.20 Realizzazione di incontri pubblici anche sotto forma di hackaton – per il coinvolgimento e la partecipazione attiva degli stakeholder lato “domanda”. Quando scade: marzo 2021permalink frase

1

PA referente: PCM - DIPCoe - NUVAP

1.21 Linked Open Data sugli investimenti pubblici. Quando scade: dicembre 2020permalink frase

+

1.22 OpenCoesione EU corner: accesso facilitato e pieno riuso dell’offerta di open data disponibile a livello europeo con metadatazione comparativa. Successiva pubblicazione su www.opencoesione.gov.it. Quando scade: luglio 2019permalink frase

1

1.23 Extra data sui progetti finanziati dalle politiche di coesione per valorizzare patrimoni integrativi di open data e/o materiali multimediali dando piena evidenza delle politiche di genere perseguite con l’obiettivo di sostenere la piena parità e di offrire opportunità per combattere discriminazioni e violenze. Successiva pubblicazione di almeno due focus territoriali e tematici su www.opencoesione.gov.it. Quando scade: dicembre 2020permalink frase

+

1.24 OpenDataEducation on Cohesion (ODE on Cohesion): attivazione del percorso didattico “A Scuola di OpenCoesione” a livello internazionale e sperimentazione in almeno 3 Stati Membri con coinvolgimento di 5-7 scuole. Quando scade: dicembre 2020permalink frase

+

1.25 Realizzazione di un sistema di monitoraggio integrato e di un portale open data sui beni confiscati. Quando scade: dicembre 2020permalink frase

3

Monitoraggio degli investimenti dedicati alla valorizzazione dei beni sequestrati e confiscati e costruzione di statistiche sulla base degli obiettivi seguenti:permalink frase

+

1.26 Introduzione di un tag beni confiscati nel Sistema Indice CUP. Quando scade: dicembre 2019permalink frase

+

1.27 Integrazione Protocollo di colloquio IGRUE con dati identificativi dei beni confiscati nel Sistema di monitoraggio unitario delle politiche di coesione. Quando scade: giugno 2020permalink frase

+

1.28 Integrazione con dati detenuti dai soggetti erogatori di incentivi alle aziende sequestrate e confiscate. Quando scade: giugno 2020permalink frase

+

1.29 Inserimento nel Sistema Statistico Nazionale di statistiche su beni confiscati. Quando scade: giugno 2020permalink frase

+

1.30 Pubblicazione in open data su www.opencoesione.gov.it di focus su progetti e soggetti finanziati dalle politiche di coesione per la valorizzazione dei beni confiscati. Quando scade: dicembre 2019permalink frase

+

Mappatura, valutazione e racconto di esperienze di riutilizzo di beni confiscati; attivazione di laboratori di cittadinanza monitorante e co-progettazione territoriale sulla base dei seguenti obiettivi:permalink frase

+

1.31 Attivazione di laboratori di raccolta di wikidata e vigilanza civica sulla messa online di dataset istituzionali. Quando scade: dicembre 2019permalink frase

+

1.32 Realizzazione e pubblicazione di almeno tre reportage descrittivi di casi esemplari di riutilizzo di beni confiscati. Quando scade: dicembre 2020permalink frase

1

1.33Attivazione di almeno due laboratori di coprogettazione territoriale. Quando scade: dicembre 2020permalink frase

+

PA referente: Unioncamere

1.34 Pubblicazione di dataset del Sistema Camerale sul portale camcom.gov.it*, con la finalità di incrementare il numero di dati a disposizione delle imprese, con una focalizzazione su specifiche tematiche (mercati esteri, imprenditoria femminile, green economy, turismo, ecc.). L’obiettivo di Unioncamere è quello di coinvolgere la rete delle Camere di commercio per l’acquisizione di dati originali e/o di dati forniti da partner istituzionali e, soprattutto, di sensibilizzare le imprese all’utilizzo di dati aperti, anche attraverso azioni di promozione sui canali di Unioncamere e momenti di confronto (webinar e seminari). I dati sono forniti prevalentemente in formato .CSV per semplificare le modalità di adozione delle informazioni da parte delle imprese e prevedono una rappresentazione visiva della classificazione (tipologia di dataset). Quando scade: giugno 2020permalink frase

1

PA referente: Regioni e Province Autonome

Al fine di accelerare uno sviluppo coordinato dell’OpenData le Regioni si impegnano a:permalink frase

1

1.35 Definire un paniere di dataset contenente un elenco di dati utili tra le competenze di maggior rilevanza. Esporre 5/10 dataset utili. Quando scade: dicembre 2019permalink frase

1

1.36 Attivare un processo partecipato di definizione di tracciati standard dei dataset del paniere, con l’obiettivo di migliorare il livello di qualità degli stessi, favorire la completezza delle informazioni, permettere il confronto tra i dati di enti diversi, facilitare la fruibilità dei dati. Quando scade: dicembre 2019permalink frase

1

1.37 Stabilire una serie di indicatori per valutare l’utilizzo dei dati indicati dal paniere da parte di soggetti esterni, soprattutto attraverso l’interrogazione via API. Esporre dati su utilizzo di 5/10 API relative ai dataset utili. Quando scade: giugno 2020permalink frase

+

1.38 Promuovere l’utilizzo degli Open Data per il Decision Making attraverso buone pratiche (bot, data visualization, ecc.). Quando scade: dicembre 2020permalink frase

3

PA referente: Comune di Milano

1.39 Lancio del servizio di Linked Open Data e incremento significativo del patrimonio informativo per numero e ambiti. Quando scade: giugno 2019permalink frase

+

1.40 Rendicontazione delle politiche di mandato attraverso dati aperti e visualizzazioni. Quando scade: giugno 2020permalink frase

+

1.41 Avvio di Open Data Lab, in collaborazione con le università milanesi per la diffusione della cultura e dell’utilizzo dei dati. Quando scade: giugno 2019permalink frase

+